Home
Contatti
Note legali
Privacy
Link Utili
Agenda

OLIMPIADI DI MATEMATICA 2017
ISCRIZIONE SCUOLE SUPERIORI
PROGETTO 2018

Per Aderire: http://olimpiadi.dm.unibo.it




FASE PROVINCIALE SCUOLE SUPERIORI
 22 FEBBRAIO 2018
Scarica il file 2017 in Olimpiadi di matematica/ Scuole Superiori



GIOCHI DI ARCHIMEDE-SCUOLE SUPERIORI
23 Novembre 2017
Scarica il file 2017 in Olimpiadi di Matematica /Scuole Superiori


GARA DI II LIVELLO CLASSI PRIME
6 FEBBRAIO 2018 :
Scarica il file 2017 in
Olimpiadi di Matematica/ Scuole Superiori


GARA A SQUADRE UMI
MODALITA' ISCRIZIONE
http://olimpiadi.dm.unibo.it
FASE LOCALE : 02 MARZO 2018
FILE 2017 SCARICA:


OLIMPIADI NAZIONALI DELLA MATEMATICA 2018
CESENATICO : DAL 3 AL 6 MAGGIO - SCARICA il 2017


OLIMPIADI INTERNAZIONALI

3 -14 luglio 2018 - Cluj-Napoca

ROMANIA



OLIMPIADI INTERNAZIONALI 2017

ITALIA : 18a - su 111 Nazioni

  1) Nikita Deniskin e Fabio Bruneri (oro), 2) Jacopo Chen (argento), 3) Federico Viola (bronzo),
  4) Bernardo Tarini e Andrea Ciprietti (menzione d'onore)
     


EURPEAN GIRL'S OLYMPIAD
FIRENZE: DAL 9 AL 15 APRILE 2018


ROMANIAN MASTER OF MATHEMATICS
BUCAREST
Dal 21 al 26 Febbraio 2018




OLIMPIADI INTERNAZIONALI 2017
1.COREA DEL NORD, unica squadra con 6 ori, 2) CINA 3)VIETNAM 4) USA.
  

Agricoltura nella provincia di cosenza

"nell’anno 2000 le aziende agricole del comune di castrovillari con solo manodopera familiare sono il 79,% di 3.616, le aziende con manodopera familiare prevalente sono l’11%, quelle con manodopera extrafamiliare prevalente sono il 6,4%.completano il quadro del 2000 le aziende con salariati e l’unica azienda a mezzadria con il 3,6% (quelle con salariati, dal 1990 al 2000, sono cresciute più di sei volte, il 633,3%). nell’anno 2000, riguardo alle forme di conduzione, il 21% della superficie agricola totale (sat) del comune di castrovillari è a conduzione diretta del coltivatore con solo manodopera familiare, il 6% a conduzione diretta con manodopera familiare prevalente, il 6,5% con manodopera extrafamiliare prevalente. nel complesso il 33,5% è a conduzione diretta del coltivatore, il 66,5% della superficie totale è a conduzione con salariati o a mezzadria, quasi il doppio di quella a conduzione diretta del coltivatore. se ci soffermiamo, invece, sulla superficie agricola utilizzata (sau) risulta che essa, nel decennio 1990-2000, è cresciuta del 23,7%, pari a 1.505,85 ha (ettari). precisiamo che la sau è una parte della (sat) e riguarda la superficie impegnata in coltivazioni agricole (seminativi, legnose agrarie, prati permanenti e pascoli, castagneti da frutto pertanto la perdita di 4.933,80 ha di sat, dal 1990 al 2000, è da imputarsi alla riduzione di superficie boschiva (boschi che vengono tagliati per la produzione di legname o distrutti da incendi), alla perdita di superficie agricola non utilizzata (terreni che vengono abbandonati perché in zone impervie o perchè di scarsa resa economica, ma anche terreni coltivabili che cambiano destinazione d’uso) e alla perdita di altra superficie (terreni sterili, strade poderali, canali, cortili, giardini ornamentali orti e fabbricati dell’azienda, conseguenza diretta del punto precedente). analizzando il rapporto aziende superficie totale, in relazione alle classi di superficie totale in ettari, vediamo che nell’anno 2000 nel comune di castrovillari le aziende di dimensione 1 ha (in crescita di superficie del 74,8%, pari a 467,12 ha) occupano un’area di 1.091,98 ha. esse sono 2.831, quasi il doppio del 1990, e la loro superficie aziendale media è di 3.857 m2 . nel 2000 le aziende del comune di castrovillari per classi di sau sono così distribuite: 4 senza superficie (lo 0,1%); 2.896 (l’80%) con superficie minore di 1 ettaro; le piccole aziende (da < 1 ha a 2—5 ha) sono il 96,1% del totale, quelle di medie dimensioni (da 5—10 ha a 20—50 ha) sono il 3,5% e quelle di grandi dimensioni sono lo 0,3% del totale. dal 1990 al 2000 il numero delle aziende a seminativi, per quanto attiene ai cereali, diminuisce del 26,6% e la relativa superficie del 19,5%. in particolare per il frumento si registra un meno 41,8% per le aziende ed un meno 46,7% per la superficie coltivata.

anche le ortive  registrano segni  negativi (-61% le aziende e – 76,% la superficie coltivata), non così per le foraggere avvicendate che crescono come aziende (+ 40,1%) e come superficie (+ 44,4%).

nel decennio 1990-2000, la crescita della superficie coltivata ha incrementato il numero di giornate lavorative da 264.139 a 336.709 (72.750 giornate in più), “altra manodopera” è cresciuta del 19,3%, quella del conduttore del 58,7%, dei parenti e familiari del 17,3%. a  ciò  hanno  contribuito  il  conduttore  per  il 46,3%, i parenti e familiari per il 10,9% e  la manodopera esterna per il 42,8%”.

queste sono, solo in parte, le “conclusioni” che emergono sulle aziende agricole del comune di castrovillari al termine dell’analisi dei dati del censimento del 22 ottobre del 2000 (ultimo in ordine di tempo).

esse fanno parte di uno studio da me fatto sulle aziende agricole della provincia di cosenza, alcuni anni addietro,  che ora ho deciso di mettere a disposizione di chi coltiva interesse  per queste tematiche.

l’opera che presento, di circa 130 pagine e con molti grafici a colori riportati alla fine, riguarda solo l’agricoltura e le aziende agricole della provincia di cosenza ed è suddivisa in tre capitoli.

nel primo si parla di aziende agricole per caratteristiche strutturali (cioè aziende distinte per superficie totale, per superficie agricola utilizzata, per forma di conduzione, per superficie coltivata e per tipo di coltivazione, per tipo di allevamenti, per possesso di mezzi meccanici, per sistemi di irrigazione, per giornate di manodopera impiegata).

nel secondo capitolo le aziende agricole vengono classificate in base alle caratteristiche tipologiche (orientamento tecnico economico, dimensione economica, reddito prodotto, forma di utilizzazione dei terreni, categoria di manodopera).

nel terzo capitolo vengono analizzate le caratteristiche strutturali e tipologiche delle aziende agricole di castrovillari, della comunità montana del pollino e di alcuni grossi comuni della provincia di cosenza (cassano, corigliano, rossano e lo stesso capoluogo).

al termine di ogni capitolo vengono tratte, come dicevo all’inizio, delle “conclusioni” che scaturiscono dall’analisi dei dati precedenti. in appendice sono riportati gli incendi boschivi in italia ed in calabria, per superficie investita dal fuoco, e le norme giuridiche in materia di incendi volontari (dolosi, colposi).

non nascondo che ora so molte più cose sull’agricoltura e conosco il significato di termini tecnici che prima ignoravo, quindi l’esperienza, a livello personale, è stata positiva.


leggi : agricola.pdf
copyright 2010-2013 Prof. Vincenzo Aieta - Realizzato da CIT Soluzioni Software